I Digital Champions guidano l’espansione di Industria 4.0

 

Si parla sempre di più di Industria 4.0 e dell’impatto che sta avendo, e che avrà sempre più in futuro, sul modo in cui le aziende producono i loro manufatti ed entrano in contatto con fornitori e clienti.

Industria 4.0 richiede l’introduzione su larga scala delle metodologie Machine-to-Machine (M2M) e Internet of Things (IoT), un livello esteso di automazione e un miglioramento dei sistemi di comunicazione e controllo uniti all’autodiagnosi e a nuovi livelli di analisi dei dati.

Ma la maggior parte delle aziende manifatturiere sono davvero consapevoli di Industria 4.0 e ne stanno realmente adottando gli standard?

La prestigiosa società di consulenza PWC ha condotto un’indagine mondiale, denominata Global Digital Operations Study 2018, intervistando oltre 1.100 manager di aziende manifatturiere multinazionali di 26 paesi in merito alla loro opinione sulla digitalizzazione della produzione e su Industria 4.0.

I risultati del sondaggio mostrano come, al momento, solo una piccola parte delle aziende, i cosiddetti Digital Champions, stiano affrontando seriamente la questione.

 

 

Chi sono i Digital Champions?

I Digital Champions, che rappresentano non più del 10% delle aziende manifatturiere a livello mondiale, sono aziende che hanno già messo in atto i cambiamenti strategici, funzionali e culturali necessari per rendere operativa ed efficace Industria 4.0. Hanno saputo sfruttare la tecnologia e creare una cultura interna per mettere in contatto diretto clienti, fornitori, Produzione, Vendite e Marketing rendendo la filiera più efficiente e profittevole.

I Digital Champions sono attualmente concentrati principalmente nei settori automotive e dell’elettronica. Al momento, i settori dei beni di consumo e della produzione industriale rimangono molto indietro, con poche aziende realmente impegnate ad adattarsi alle logiche di Industria 4.0.

 

 

I produttori asiatici stanno adeguandosi a Industria 4.0 più velocemente di americani ed europei

L’indagine di PWC ha evidenziato come siano i produttori dell’area Asia-Pacific ad avere un ritmo di diffusione delle tecnologie Industria 4.0 più rapido.

Sebbene Industria 4.0 possa essere visto originariamente come un concetto occidentale, le aziende asiatiche hanno ampiamente superato i paesi dell’ovest nella sua implementazione: quasi il 19% dei produttori intervistati asiatici ha ottenuto lo status di Digital Champion contro l’11% per gli americani e solo il 5% per l’Europa, il Medio Oriente e Africa (EMEA).

Questo sembra essere il risultato di un atteggiamento più aperto ed entusiasta nei confronti della tecnologia, unito alla consapevolezza di dovere mantenere bassi i costi di produzione per rimanere competitivi nei mercati.

 

Industria 4.0 significa più alto valore per i clienti e maggiori profitti per i produttori

L’indagine di PWC evidenzia chiaramente come sia un grave errore valutare Industria 4.0 soltanto in termini di tecnologia, informatica e dati.

Verticalizzando l’efficienza lungo l’intera catena del valore, i Digital Champions riescono a garantire una migliore qualità, costi inferiori, una gamma di prodotti e servizi più ampia e personalizzata, oltre alla capacità di servire i clienti meglio di altri concorrenti: ciò comporta, alla fine, ricavi e profitti maggiori, rafforzando nel contempo la posizione di leadership nei propri mercati.

 

Il rapporto completo è disponibile qui per il download

1 ottobre 2018