IPERAMMORTAMENTO: le novità della circolare MISE 23/05/2018, N. 177355

È stata pubblicata in data 23 maggio 2018 un’importante Circolare del Ministero per lo Sviluppo Economico (MISE) che fornisce una serie di chiarimenti

  • sui requisiti (obbligatori) di interconnessione ed integrazione
  • richiesti ai beni appartenenti al primo gruppo (di dodici punti) dell’allegato A (nel quale ricadono la maggior parte degli investimenti a cui applicare i vantaggi fiscali)
  • per quanto riguarda l’agevolazione fiscale dell’iperammortamento, di cui ai commi 9, 10 e 11 della legge 11 dicembre 2016, n. 232 prorogata, con alcune modifiche, dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018).

Di seguito i punti più significativi affrontati e chiariti dalla Circolare:

  1. Richiamo all’estensione dell’ambito temporale introdotta per i beni materiali ed immateriali dalla Legge 205/2017.

    Il termine finale entro cui effettuare gli investimenti in beni materiali ed immateriali viene, di fatto, prorogato dal 31 dicembre 2017 al 31 dicembre 2018. Esiste la possibilità di utilizzare l’ulteriore termine finale del 31 dicembre 2019 a condizione che entro la data del 31 dicembre 2018 l’impresa proceda ad avviare l’investimento attraverso l’ordine accettato dal venditore e il pagamento di acconti pari almeno al 20% del costo dei beni.

  2. Ampliamento dell’allegato B estendendo a 23 voci (delle 20 iniziali) le tipologie di software ammissibili alla maggiorazione del 40%, con l’aggiunta di:

    1.  sistemi di gestione della supply chain finalizzata al drop shipping nell’e-commerce;
    2.  software e servizi digitali per la fruizione immersiva, interattiva e partecipativa, ricostruzioni 3D, realtà aumentata;
    3.  software, piattaforme e applicazioni per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle ’attività di servizio (comunicazione intra-fabbrica, fabbrica-campo con integrazione telematica dei dispositivi on-field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on-field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on field).
  3. Importanti chiarimenti forniti, al punto 10, in merito ai requisiti di interconnessione ed integrazione.

    Il requisito dell’interconnessione viene ulteriormente specificato sotto un duplice profilo:

    1. interconnessione con la possibilità di caricamento di istruzioni e/o part program e quindi richiedendo di fatto la possibilità di uno scambio dati bidirezionale.
    2.  interconnessione con integrazione automatizzata.

La Circolare amplia l’iniziale definizione di quest’ultimo requisito che, nella Circolare 4/E/2017, al paragrafo 11, veniva apparentemente limitato solo ai seguenti esempi:

  1. integrazione: con il sistema logistico della fabbrica, a sua volta declinata in due sub opzioni, integrazione fisica e integrazione informativa;
  2. integrazione con la rete di fornitura;

III. integrazione con altre macchine del ciclo produttivo.

La nuova Circolare del 23-5-18 chiarisce invece che le funzioni di “movimentazione” e “tracciabilità” esemplificate in Circolare 4/E/2017 sono solo alcune delle componenti riconducibili in senso ampio alla logistica di fabbrica.

Poiché il requisito di integrazione è, insieme a quello di interconnessione, il fattore chiave alla base della digitalizzazione del processo produttivo, il soddisfacimento di tale requisito potrà essere valutato in tutti quei casi in cui la gestione automatizzata dei flussi fisici o informativi abbia un impatto significativo su una o più funzioni riferibili alla logistica di fabbrica, non strettamente circoscritta solo alla movimentazione o alla tracciabilità.

La Circolare del 23-5-18 chiarisce quindi esplicitamente che il requisito di integrazione è pienamente soddisfatto anche dall’impiego concorrente e complementare di diverse tipologie di software e piattaforme quali inoltro di istruzioni e/o part-program da sistema CAD/CAM, rilievo dati e generazione indice di efficacia totale di un impianto OEE da sistema MES, (in cui rientrano pienamente i software della suite Libellula Universe – N.d.R.).

 

All. Testo completo della Circolare del 23-5-18

14 giugno 2018